yYAXssKCQaUWZcXZ79RJTBLvo-c;SfREtjZ9NYeQnnVMC-CsZ9qN6L0 Finance, Economics, Globus, Brokers, Banks, Collateral-Oriano Mattei

video

Loading...

sabato 21 ottobre 2017

The World Health Organisation’s (WHO) decision to name Zimbabwean President Robert Mugabe a “goodwill ambassador” has been met with condemnation by human rights and medical groups.

‘Sickening’: Rights groups slam WHO for appointing Zimbabwe’s Mugabe a goodwill ambassador


The World Health Organisation’s (WHO) decision to name Zimbabwean President Robert Mugabe a “goodwill ambassador” has been met with condemnation by human rights and medical groups.
The 93-year-old Zimbabwean leader was given the position, which is bestowed on personalities who highlight “important health issues,” at a WHO conference on noncommunicable diseases (NCD) in Montevideo, Uruguay.
WHO Director General Dr Tedros Adhanom told the conference that he was honored to have Mugabe, who is regarded as one of the most controversial political leaders of the 21st century, serve as an ambassador.
Dr Tedros also said that Mugabe can “influence his peers” and praised Zimbabwe as a “country that places universal health coverage and health promotion at the center of its policies”.
But not everyone is in agreement. International watchdog, UN Watch, described the United Nations health agency’s announcement as “sickening”.
Sickening: U.N. health agency names tyrant Mugabe 'goodwill ambassador'; rights activists outraged https://www.unwatch.org/u-n-health-agency-names-tyrant-mugabe-goodwill-ambassador-rights-activists-outraged/  via @unwatch
“The government of Robert Mugabe has brutalized human rights activists, crushed democracy dissidents, and turned the breadbasket of Africa - and its health system - into a basket-case,” said UN Watch executive director Hillel Neuer.
.@DrTedros Really? You appointed Robert Mugabe a WHO goodwill ambassador? What aged dictator is next on the list? https://www.statnews.com/2017/10/20/robert-mugabe-who-appointment/ 
“The notion that the UN should now spin this country as a great supporter of health is, frankly, sickening,” Neuer added.
Knighted by the British monarchy in 1994, Mugabe had the honor revoked in 2008 due to the violent nature of Zimbabwe’s Zanu-PF party regime.
Given Mugabe's appalling human rights record, calling him a Goodwill Ambassador for anything embarrasses @WHO and @DrTedros https://twitter.com/WHO/status/921088905897762821 
Mugabe has also been slammed for muzzling the press by threatening journalists reporting on protests with imprisonment.
Some 24 health organisations from around the world, including the World Heart Alliance, Cancer Research UK, and the Healthy Latin America Coalition, issued a statement Friday, saying they were “shocked and deeply concerned” due to Mugabe’s “long track record of human rights violations”.
“Given these systematic abuses and his approach to NCDs and tobacco control in the past, NCD civil society present in Montevideo believe that President Mugabe’s appointment as WHO Goodwill Ambassador for NCDs cannot be justified,”the statement read.

da "rt.com"

Iraqi and Kurdish forces have clashed in the town of Altun Kupri on the border of Iraq’s autonomous Kurdistan region, security official said, as Baghdad continues its offensive in the wake of a controversial referendum on Kurdish independence........

Iraqi forces clash with Kurds moving closer to regional capital Erbil (VIDEO)


Iraqi and Kurdish forces have clashed in the town of Altun Kupri on the border of Iraq’s autonomous Kurdistan region, security official said, as Baghdad continues its offensive in the wake of a controversial referendum on Kurdish independence.
Iraqi security and pro-government militias descended on Altun Kupri, which lies some 50 km (30 miles) to the south of the Kurdish capital, Erbil, early on Friday.
Iraqi security and pro-government militias descended on Altun Kupri, which lies some 50 km (30 miles) to the south of the Kurdish capital, Erbil, early on Friday.
Video footage from the Kurdish front lines showed columns of smoke rising and what sounds like gunshots being heard in the distance.
In a statement, the Peshmerga General Command said it had repelled the Iraqi advance and destroyed a number of vehicles, including an American-made Abrams tank.
“In the morning of Friday October 20, 2017 at 8am, the Hashd al-Shaabi [Popular Mobilization Forces] militias using American weapons which were given to the Iraqi army launched a widespread attack on the Peshmerga forces in [Altun Kupri] Pirde with the Iranian artillery units also involving,” read the statement published by the Kurdish news outlet Rudaw.
“Until now, all of the attacks have been repelled and forces defeated and more than 10 Humvees and an Abrams tank were destroyed. In the confrontation, the Kurdistan Peshmerga forces have bravely put up a defense, achieving a great dignity for them.”
However, the Iraqi Defense Ministry said that the military have secured the town and the area around it.
"Altun Kupri is now under the total control of federal forces," the ministry said in a statement quoted by Al-Jazeera.
Pictures on social media appear to show Iraqi soldiers in the town, displaying captured Kurdish flags.
محمد السماوي
21 ore fa
الآن
الشرطة الاتحادية وجهاز مكافحة الإرهاب والجيش
في شمال غرب كركوك
L'immagine può contenere: 3 persone, spazio all'aperto
L'immagine può contenere: 3 persone, persone che sorridono, persone in piedi e spazio all'aperto
A security source told AFP that Iraqi forces managed to "hoist the flag on the municipality building" in Altun Kupri as the sides exchanged mortar and automatic gunfire. 
The sources also said that Kurdish general Ghazi Dolemri was killed in the fighting on Friday.
It’s unclear how many have been killed or wounded in Altun Kupri, but hospitals have confirmed they are dealing with a number of casualties.
An Al-Jazeera correspondent reported that two bridges had been destroyed and local people were fleeing the scene, while the Kurds were sending in reinforcements.
According to Iraq's Joint Operations Command, the governmet forces have extended its territory to within 50 kilometers (30 miles) of Kurdish capital, Erbil.
AFP reported further shelling as Iraqi troops and militias advanced on Sirawa, located five kilometers north of Altun Kupri.
The district of Alton Kupri lies on the border between Iraqi Kurdistan and disputed territories formerly under its control, including the oil-rich province of Kirkuk, which had been seized by the Kurdish peshmerga forces during the Islamic State (IS, formerly ISIS/ISIL) advance of 2014.
The fighting in Alton Kupri comes days after the Iraqi military captured the regional capital of Kirkuk on Monday, where fighting also broke out with Kurdish militias.
Though Kurdish peshmerga fought alongside Iraqi soldiers and Shiite militias in the campaign against Islamic State, relations with the central government in Baghdad have taken a downward turn since then.
In September, the Kurdish government went ahead with a controversial referendum on independence, with 93 percent of voters opting for sovereignty. This drew the ire of not only Baghdad but also Turkey and Iran, which have their own large Kurdish minorities.
As a result, Iraqi Prime Minister Haider al-Abadi ordered his military to take control of the contested areas including Kirkuk Governorate, and government forces began advancing on the region on Monday

da "rt.com"

Lunedì non sarà il d-day per il ritorno a Piazza affari del Monte dei Paschi di Siena. Così sembrava fino a stamattina, ma è stata l'ennesima fumata nera: la Consob oggi non ha ancora dato il nulla osta al prospetto presentato due settimane fa dalla banca, e senza il semaforo verde dell'Authority presieduta da Giuseppe Vegas non si può procedere al rientro in contrattazione. Se ne riparlerà la settimana prossima, non prima di mercoledì-giovedì, pertanto il rientro a Piazza affari a questo punto è improbabile che avvenga prima di venerdì 27 o lunedì 30 ottobre........


Lunedì non sarà il d-day per il ritorno a Piazza affari del Monte dei Paschi di Siena. Così sembrava fino a stamattina, ma è stata l'ennesima fumata nera: la Consob oggi non ha ancora dato il nulla osta al prospetto presentato due settimane fa dalla banca, e senza il semaforo verde dell'Authority presieduta da Giuseppe Vegas non si può procedere al rientro in contrattazione. Se ne riparlerà la settimana prossima, non prima di mercoledì-giovedì, pertanto il rientro a Piazza affari a questo punto è improbabile che avvenga prima di venerdì 27 o lunedì 30 ottobre.
Verso un ritorno in Borsa a 4-4,5 euro 
Lo slittamento non dovrebbe comunque incidere sullo scenario che verrà a crearsi non appena il titolo tornerà a essere scambiato. Dimenticati i 15,08 euro a cui era avvenuto l'ultimo contratto effettuato il 22 dicembre prima del congelamento disposto proprio dalla Consob, il nuovo prezzo teorico di riferimento saranno gli 8,65 euro per azione a cui sono stati convertiti i titolari di obbligazioni subordinate (mentre lo Stato ha ricapitalizzato a sconto, cioè a 6,49). Valore teorico, però. visto che sconta multipli decisamente superiori alla media di settore. Considerati anche i prezzi praticati oggi over the counter e i risultati dell'asta dei credit default swap sui bond subordinati che si è tenuta giusto un mese fa, gli analisti prevedono che il ritorno sul Ftse Mib avvenga in area 4-4,5 euro, per una valorizzazione complessiva della banca intorno ai 5 miliardi.
L’offerta di bond ai risparmiatori-azionisti 
Entro la fine di ottobre si aprirà anche l'offerta di bond senior ai risparmiatori che si sono ritrovati azionisti dopo la conversione forzosa dei subordinati. I termini della proposta, formalmente una «offerta pubblica volontaria parziale di scambio e transazione» sono stati resi noti due settimane fa e rappresentano uno degli ultimi atti del salvataggio discusso dal Tesoro con Bce e Commissione. 
Lo Stato, come noto, è entrato con la ricapitalizzazione precauzionale da 3,8 miliardi, ma - in nome del principio del burden sharing, cioè della condivisione del rischio - sono stati automaticamente convertiti in azioni tutti i bond subordinati in essere, per 4,4 miliardi. Di questi, una quota di circa 2 miliardi era relativa ai bond in circolazione di un'emissione - l'Upper tier 2 2008/2018 - destinata al pubblico retail: a chi è diventato azionista in virtù di questi titoli adesso la banca, per conto del Tesoro, si prepara a offrire bond senior con scadenza 2018 in cambio di azioni. Per il prezzo si farà riferimento a quello pagato da ciascun possessore di titoli considerando il prezzo medio ponderato di carico di questi ultimi alla data del 31 dicembre 2015, al netto di commissioni e spese.
La quota del Tesoro 
Ce ne sarà per tutti? Quasi. Sul tavolo la banca mette 1,53 miliardi in bond, un po' meno dei 2,05 miliardi in azioni in circolazione. Ma è anche vero che per poter aderire all'offerta occorre dimostrare di aver acquistato i subordinati direttamente dalla banca, entro il primo gennaio 2016 e senza disporre di elevate competenze finanziarie. Non tutti gli ex titolari del tier 2 sono in possesso in questi requisiti, anzi da stime di mercato si ricava una quota intorno all'80-90%: nel caso in cui tutti costoro aderissero all'offerta, il miliardo e mezzo di bond disponibili dovrebbe soddisfare l'80-90% delle richieste di ogni singolo risparmiatore, che per la quota restante rimarrà azionista. Dall'esito dell'offerta dipenderà la quota con cui alla fine si ritroverà il Tesoro, già oggi primo azionista del Monte con il 52%, che potrebbe arrivare a detenere fino al 67,8 per cento.
di Marco Ferrando per "ilsole24ore.it"

venerdì 20 ottobre 2017

A militant leader blamed for several deadly bombings in Pakistan has been killed in a U.S. drone strike in Afghanistan, a spokesman for the extremist group has confirmed. Asad Mansoor, a spokesman for the Jamaat-ul-Ahrar (JuA) militant group, on October 19 told the Reuters news agency by telephone that the leader, Omar Khalid Khorasani, died earlier in the day.

Pakistani militant Omar Khalid Khorasani (file photo)


A militant leader blamed for several deadly bombings in Pakistan has been killed in a U.S. drone strike in Afghanistan, a spokesman for the extremist group has confirmed.
Asad Mansoor, a spokesman for the Jamaat-ul-Ahrar (JuA) militant group, on October 19 told the Reuters news agency by telephone that the leader, Omar Khalid Khorasani, died earlier in the day.
"Our leader…was wounded in one of the recent drone strikes in Afghanistan. He was wounded badly, and today he was martyred," the spokesman said.
Eight other senior commanders of JuA were also reportedly killed in the drone strike on Khorasani.
The Pentagon has not yet officially commented on the report.
Khorasani was an alleged organizer of a December 2014 terrorist attack on a Peshawar school that killed 147 people, most of them children.
The JuA, a splinter group of the Pakistani Taliban, also claimed responsibility for the 2016 bombing on Easter Sunday that killed 70 people, many of them Christians, in the Pakistani city of Lahore.
The JuA split from the Tehrik-e Taliban (TTP) militant group in 2014 and the faction voiced support for the Islamic State (IS) extremist group.
The split came when Khorasani and his associates in Pakistan’s Mohmand tribal region publicly accused the TTP leader in Pakistan's Swat Valley, Maulana Fazlulah, of deviating from the TTP’s strict Islamic fundamentalist ideology.
Based on reporting by Reuters, Samaa TV, Pakistan Today, Dawn, and VOA

Afghan soldiers and police who train in the United States go "absent without leave," or AWOL, at far higher rates than those of any other country, possibly jeopardizing efforts to assist Afghan security forces, a U.S. watchdog says.

Afghan National Army officers participate in combat-scenario training exercises at U.S. Marine Corps Base Camp Pendleton in California. (file photo)


Afghan soldiers and police who train in the United States go "absent without leave," or AWOL, at far higher rates than those of any other country, possibly jeopardizing efforts to assist Afghan security forces, a U.S. watchdog says.
Out of a total of 320 foreign military trainees who left during courses in the United States from 2005 to 2017, 152 -- or almost half -- were Afghans, a report by the Special Inspector General for Afghanistan Reconstruction (SIGAR) said on October 20.
The U.S. State Department said that number is "unacceptably high." 
SIGAR said the number of asylum seekers among Afghan military trainees rose over the last years as Taliban violence spread across the country and security forces sustained heavy casualties.
Only 27 of the Afghans who went AWOL in the United States have been arrested or removed by U.S. police, SIGAR said, with most of the other 83 either unaccounted for or having fled the country.
"The tendency of Afghan trainees in the United States to go AWOL may hinder the operational readiness of their home units, negatively impact the morale of fellow trainees and home units, and pose security risks to the United States," the report concluded.
Many of the Afghans who seek asylum in the United States say their lives would be in danger if they returned home.
Based on reporting by Reuters and AP

Russian Foreign Minister Sergei Lavrov says the world should not expect "considerable results in the foreseeable future" from strategic stability talks between Russia and the United States....

Russian Foreign Minister Sergei Lavrov speaks at the 2017 Moscow Nonproliferation Conference at the Center for Energy and Security Studies in Moscow on October 20.


Russian Foreign Minister Sergei Lavrov says the world should not expect "considerable results in the foreseeable future" from strategic stability talks between Russia and the United States.
In an October 20 speech at a nonproliferation conference in Moscow, Lavrov also described the situation surrounding the 1987 Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty (INF) as a "stalemate" in which Washington "refuses to clarify" its allegations that Russia has violated the treaty.
He said Moscow had its own concerns about possible U.S. violations and accused Washington of "keeping silent" about its own "unscrupulousness."
Lavrov's comments come one day after similar remarks made by Russian President Vladimir Putin in the Black Sea resort city of Sochi. Putin said Moscow would respond "immediately and symmetrically" if the United States withdrew from the INF.
Lavrov also said Russia was "skeptical" about the usefulness of further bilateral talks with the United States in the format of the Strategic Arms Reduction Treaty (START).
Instead, he urged an expanded format for nuclear-disarmament talks.
"The numbers set by the existent treaty are bringing U.S. and Russian arsenals close to the parameters that other nuclear countries have achieved," Lavrov said.
The foreign minister also expressed Russia's support for the landmark 2015 Iranian nuclear deal under which Tehran agreed to restrict its nuclear program in exchange for sanctions relief.
U.S. President Donald Trump on October 13 refused to certify Iran's compliance with what he called a "flawed" agreement and urged modifications.
Lavrov said that "any changes in the plan adopted by a consensus require the consent of every member of the six-nation group and, of course, Iran." The treaty was agreed by Britain, China, France, Germany, Russia, and the United States.
"Like our European counterparts, I am confident any attempts to start such a conversation [about modifying the agreement] may bury this important agreement," Lavrov said.
Lavrov also called on the international community to make "proactive diplomatic efforts" to prevent a military conflict on the Korean Peninsula.
He called on "responsible members of the international community" to support a Russian-Chinese road map for defusing the crisis with North Korea that calls for parallel talks on North Korea's nuclear weaponry and the overall security situation in the region.
"There is no alternative to a diplomatic settlement of the nuclear issue on the basis of dialogue," Lavrov said.
U.S. CIA Director Mike Pompeo said on October 19 that North Korea was "on the cusp" of achieving the ability to strike the United States with a nuclear missile.
U.S. national security adviser H.R. McMaster on October 19 said the world was "in a race to resolve this [issue] short of military action."
North Korea has conducted six nuclear tests, including its most powerful one in August. It has fired 22 missiles in 15 tests in 2017.
With reporting by CNN, TASS, Reuters, AP, and Rossia 24

Some European Union leaders have raised objections to Russia's plan to build a new gas pipeline to Germany at a summit in Brussels, but the bloc is divided on the matter and took no action, European Commission President Jean-Claude Juncker says....

European Commission President Jean-Claude Juncker (file photo)


Some European Union leaders have raised objections to Russia's plan to build a new gas pipeline to Germany at a summit in Brussels, but the bloc is divided on the matter and took no action, European Commission President Jean-Claude Juncker says.
EU diplomats said the leaders of Poland, Lithuania, Denmark, and Latvia raised their concerns about the Nord Stream 2 pipeline, which is slated to run from Russia to Germany through the Baltic Sea, during a discussion on security issues on October 19.
Eastern European and Baltic Sea states have expressed concern that the project would strengthen Moscow's hand by increasing European reliance on Russian natural gas, and have also objected that it would cut gas-transit revenues for Ukraine, damaging Kyiv's fragile economy.
Nordic states, meanwhile, have raised security concerns over the pipeline being laid near their shores under the Baltic, where Russia has bolstered its military presence.
But Germany and several other Northern European countries have sought an alternative to the current pipeline running through Ukraine, where disputes with Russia have led at times to the threat of gas cutoffs, and have defended the commercial gains their energy firms stand to see from the project.
Germany, the EU's biggest economy, in particular has embraced the prospect of taking delivery of 55 billion cubic meters of gas a year from Russia, and has said Brussels should not get involved with the project.
Juncker said on October 19 the European Commission aligned itself with members who raised objections to the deal and asked for a mandate from EU leaders to negotiate with Russia over the project.
But he told reporters in Brussels that leaders turned down his request in light of the split among members.
"There is no unanimity among member states to give the commission a mandate to discuss the matter with Russia," he said. "I don't think that we will have unanimity on this" anytime soon, he added.
Polish Prime Minister Beata Szydlo told reporters at the summit that "the political dimension of this project is obvious, but there are countries which say this is a purely commercial project."
German Chancellor Angela Merkel told fellow leaders she understood they had political concerns, but she asked them not to muddy the legal waters, two diplomats told Reuters.
Austrian Chancellor Christian Kern, whose country like Germany has companies invested in the pipeline, said opposition to the gas pipeline should not be founded on a critical stance toward the Kremlin, a senior EU diplomat told Reuters.
Five European companies -- German energy groups Uniper and Wintershall, Austria's OMV, Anglo-Dutch group Shell, and France's Engie -- are invested in the 1,225-kilometer pipeline project.
The EU's debate on the controversial project came as Russian President Vladimir Putin complained about recently enacted U.S. sanctions that call for penalties on European companies that participate in the Nord Stream 2 and other Russian energy projects in Europe.
Putin asserted the U.S. Congress included the punitive measures in a sanctions bill against Russia with the goal of promoting a budding market for U.S. liquified gas in the Europe.
"The recent sanctions package adopted by the U.S. Congress was openly designed to push Russia out of European energy markets and to force Europe to switch to more expensive liquefied natural gas from the United States," he said at a policy forum in Sochi.
With reporting by Reuters

A Russian activist imprisoned for Internet posts criticizing Russia's interference in Ukraine has been released from a penal colony after serving her two-year sentence. Darya Polyudova was released on October 20 from Penal Colony #10 in the southern Russian city of Novorossiisk, where she was sentenced on charges of propagating extremism and separatism online.

Darya Polyudova had called for greater autonomy for the southern Kuban region.


A Russian activist imprisoned for Internet posts criticizing Russia's interference in Ukraine has been released from a penal colony after serving her two-year sentence.
Darya Polyudova was released on October 20 from Penal Colony #10 in the southern Russian city of Novorossiisk, where she was sentenced on charges of propagating extremism and separatism online.
Polyudova said upon her release that she will continue to engage in political activities after a short period of rest.
Polyudova conducted several hunger strikes at Penal Colony #10 to protest conditions there.
She was charged in 2014 for Internet posts in which she criticized the Russian government's illegal annexation of Ukraine's Crimean Peninsula and the Kremlin's support for separatists in eastern Ukraine.
The Moscow-based Memorial Human Rights Center has designated Polyudova as a political prisoner.
Based on reporting by Grani.ru and Kommersant
da "Radio Free Liberty"

NATO would not be able to rebuff a potential Russian attack on its eastern flank, according to an internal report cited on October 20 by German weekly Der Spiegel. The paper, titled Progress Report On The Strengthened Deterrence And Defense Capability Of The Alliance, pointed to significant deficiencies....

NATO Secretary-General Jens Stoltenberg


NATO would not be able to rebuff a potential Russian attack on its eastern flank, according to an internal report cited on October 20 by German weekly Der Spiegel.
The paper, titled Progress Report On The Strengthened Deterrence And Defense Capability Of The Alliance, pointed to significant deficiencies.
"NATO's ability to logistically support rapid reinforcement in the strongly expanded territory of the European commander's area of responsibility has atrophied since the end of the Cold War," Der Spiegel quoted the report as saying.
Even the strengthening of the NATO Response Force (NRF) has failed to ensure that it could "react rapidly and -- if necessary -- sustainably," it said.
The report cited a downsized command structure since the fall of communism as one of the paramount elements that has undermined the alliance's defense capabilities, Der Spiegel quoted the report as saying.
NATO spokeswoman Oana Lungescu declined to comment on the German magazine report but said that alliance "forces are more ready and able to deploy than at any time in decades."
Lungescu said that efforts are "under way to ensure that the NATO command structure remains robust, agile, and fit for purpose." 
The alliance's command structure is to be discussed at a meeting of NATO defense ministers next month.
NATO's relations with Russia are at their lowest since the Cold War over the conflict in Ukraine.
After Russia annexed Crimea in 2014, NATO suspended its civilian and military cooperation with Moscow, as Ukraine announced its intention to seek membership in the alliance.
With reporting by AFP

La latitanza dorata di Giancarlo Tulliani a Dubai è spesata dal "re delle slot" Francesco Corallo e dai soldi ricavati con la vendita della casa di Montecarlo. Prima che a dicembre scorso scattasse l'operazione "Rouge et noir" e che scoprisse di essere indagato dalla Procura di Roma per riciclaggio trasnazionale, il cognato di Gianfranco Fini ha spostato negli Emirati Arabi 665 mila euro. Il conto corrente acceso presso la Emirates Nbd Bank di Dubai registrava, infatti, alla data del 18 agosto 2016, un saldo positivo pari a 633.583 euro........




Articoli di Valeria di Corrado e Andrea Ossino per ‘Il Tempo

GIANCARLO ELISABETTA TULLIANI - LABOCCETTA - GIANFRANCO FINIGIANCARLO ELISABETTA TULLIANI - LABOCCETTA - GIANFRANCO FINI
La latitanza dorata di Giancarlo Tulliani a Dubai è spesata dal "re delle slot" Francesco Corallo e dai soldi ricavati con la vendita della casa di Montecarlo. Prima che a dicembre scorso scattasse l'operazione "Rouge et noir" e che scoprisse di essere indagato dalla Procura di Roma
 per riciclaggio trasnazionale, il cognato di Gianfranco Fini ha spostato negli Emirati Arabi 665 mila euro. Il conto corrente acceso presso la Emirates Nbd Bank di Dubai registrava, infatti, alla data del 18 agosto 2016, un saldo positivo pari a 633.583 euro.

Sono soldi sfuggiti alle ordinanze di sequestro del Tribunale di Roma,perché Tulliani li aveva movimentati lì 4 mesi prima dell'arresto dell'imprenditore del gioco d'azzardo. Ha provato a rifare la stessa operazione - con altri 500 mila euro - il 15 dicembre 2016, ossia due giorni dopo che il gip Simonetta D'Alessandro aveva emesso l'ordinanza di custodia cautelare con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata al peculato e al riciclaggio nei confronti di Corallo, del suo braccio destro Rudolf Baetsen e dei tre procuratori per l'Italia dell'Atlantis World Giocolegale Ltd (poi B Plus e ora Global Starnet), tra cui l'ex parlamentare del Pdl Amedeo Laboccetta.
Fini- GIANCARLO TULLIANIFINI- GIANCARLO TULLIANI

In quel caso il "giochetto" non è riuscito, perché la Guardia di Finanza ha prontamente bloccato la transazione. Tulliani, però, lo stesso giorno è volato negli Emirati e da lì non è più tornato, nonostante penda su di lui una richiesta di arresto in carcere emessa dal Tribunale di Roma il 17 marzo.

ZERO REDDITI
Il denaro versato dalle società offshore di Corallo sui conti correnti monegaschi del cognato di Fini,è poi confluito in un conto francese acceso presso la Caisse d'Epargne di Beausoleil. Una parte di quelle somme sono qui state trasferite a novembre del 2015 in Italia, su un conto corrente Mps, e un'altra parte a Dubai il 23 giugno e il 14 luglio 2016, rispettivamente in una prima tranche da 30 mila euro e una seconda da 635 mila euro. Presumibilmente proprio con questo denaro, ora, Giancarlo sta vivendo da latitante nella terra degli sceicchi.
FINI TULLIANI DOCUMENTI CASA MONTECARLOFINI TULLIANI DOCUMENTI CASA MONTECARLO 

La riprova è data dal fatto che, negli ultimi anni 20 anni, ha dichiarato al Fisco redditi annuali per un massimo di 4.500 euro, che tra l'altro gli derivavano da rendite su fabbricati. Addirittura, fino al 2008, a parte una parentesi relativa al 2005, dichiarava redditi pari a zero. Inoltre, dall'analisi degli estratti conto della famiglia Tulliani effettuati dai finanzieri dello Scico su disposizione del pm Barbara Sargenti, nel periodo compreso tra il 15 dicembre 2016 e il 10 maggio 2017, "al fine di verificare se taluno della famiglia (compreso Gianfranco Fini) avessero inviato denaro a Giancarlo Tulliani", non sono emerse somme trasferite verso i conti corrente del cognato dell'ex presidente della Camera.

Resta l'ipotesi che a Dubai abbia trovato un lavoro, ipotesi improbabile se si considera che dai conti che aveva intestati a Monaco "non emergevano attività lavorative svolte in quel Paese estero".

LA RACCOMANDAZIONE

Quel conto, accesso presso la Compagnie Monegasque de Banque a febbraio 2009 ed estinto ad agosto 2013, veniva infatti "alimentato essenzialmente – si legge nell'informativa della Finanza – con denaro contante e con fondi provenienti dal conto dei genitori Sergio Tulliani e Francesca Frau".

elisabetta tulliani gianfranco finiELISABETTA TULLIANI GIANFRANCO FINI
Nella scheda di registrazione del cliente presso la banca si legge che Tulliani è stato presentato da M. Bianchi, ambasciatore del Principato di Monaco in Italia, e che operava nel settore immobiliare. Come ulteriore credenziale, veniva riportata anche la sua relazione di parentela con Gianfranco Fini, all'epoca presidente della Camera. Di fronte alle richieste di spiegazioni che l'istituto di credito monegasco rivolge al consulente bancario di Tulliani, in merito ai fondi provenienti dalla società Jayden Holding Ltd e dalla International Financial Planning Service Ltd (riconducibili a Corallo), il consulente rispondeva che quei soldi provenivano dall'attività immobiliare svolta da Giancarlo.

A MONTECARLO COL JET

La Dda di Roma ha richiesto con una rogatoria internazionale assistenza giudiziaria alle autorità del Principato, proprio per ricostruire i flussi finanziari di Tulliani e per acquisire l'atto di compravendita con cui la Timara Ltd, riconducibile a Giancarlo e alla sorella Elisabetta, avevano comprato da Alleanza Nazionale l'appartamento di boulevard Princesse Charlotte, lasciato in eredità al partito dalla contessa Colleoni.
LA FOTOCOPIA DEL PASSAPORTO DI ELISABETTA TULLIANI SPEDITA DA CORALLO A WALFENZAO jpegLA FOTOCOPIA DEL PASSAPORTO DI ELISABETTA TULLIANI SPEDITA DA CORALLO A WALFENZAO JPEG

Ebbene, dai documenti acquisiti finora dalla trasferta del pm Sargenti a Monaco, è emerso che, ciò che Amedeo Laboccetta ha raccontato agli inquirenti su Fini e la famiglia Tulliani, è vero. L'ex parlamentare del Pdl, infatti, nell'interrogatorio del 2 marzo scorso, aveva riferito di aver incontrato nel 2008 Giancarlo a pranzo nel ristorante da "Fortunato al Pantheon": "Tulliani, anche a nome di sua sorella Elisabetta e di Gianfranco Fini, informò Corallo e me che doveva aiutarli a comprare una casa Montecarlo".

Laboccetta aveva poi precisato che nella primavera del 2008 si era recato nel Principato, insieme a Giancarlo Tulliani e a Corallo, con un jet privato e soggiornando nell'Hotel "Hermitage", il tutto a spese del "re delle slot". E, in effetti, durante la perquisizione nella residenza di La Monica sono stati trovati documenti sul noleggio da parte dell'Atlantis World Giocolegale di un jet privato, che ha effettuato un volo Roma-Nizza il 7 maggio 2008 e un altro Nizza-Roma il giorno dopo. La conferma è arrivata anche dall'"Hermitage": Tulliani, Laboccetta e Corallo hanno soggiornato presso la struttura alberghiera proprio in quelle date e anche in questo caso a pagare è stato l'imprenditore catanese.



1.LABOCCETTA: «TULLIANI CONDIZIONAVA FINI» - «IL RE DELLE SLOT VOLEVA CONTINUARE AD AVERE FAVORI»

giancarlo tullianiGIANCARLO TULLIANI
«Voglio cominciare con il riferire quanto a mia conoscenza sulla gara vinta nel 2004 da Atlantis, anzi, bisogna cominciare dal dicembre 2002, allorché Francesco Corallo mi contatto affinché potessi fargli incontrare il cive ministro con delega al commercio estero, l' onorevole Adolfo Urso».

Sono trascorsi circa tre mesi da quando l' ex parlamentare Amedeo Laboccetta, un tempo vicinissimo a Fini, è stato interrogato per l' ultima volta dal procuratore aggiunto Prestipino e dal pm Sargenti: «Con riferimento al viaggio di Fini a Saint Maarten, preciso di essere stato contattato da Fini alla fine di luglio 2004. Mi disse che sapeva che frequentavo l' isola di Sint Maarten e che aveva piacere a fare una vacanza sull' isola. Io chiamai Francesco Corallo che fu ben contento di ospitare Fini e gli altri. Erano 14 persone che prima di giungere sull' isola avevano fatto una vacanza negli Stati Uniti. Fu Francesco Corallo che si occupò dell' organizzazione della vacanza ed affittò la villa, per 14 giorni, per tutti. Corallo affittò anche una barca e fece arrivare istruttori dalla Califomia e dalla Francia che accompagnavano Fini e Proietti Cosimi nelle loro immersioni».
GIANCARLO TULLIANI E FRANCESCA A DUBAIGIANCARLO TULLIANI E FRANCESCA A DUBAI

E ancora. «...Dopo aver ricostruito le vicende relative all' aggiudicazione della gara vista la presenza in tali vicende di uomini legati a Fini, come vado a spiegare, posso dire che quel viaggio serviva a Fini proprio per creare un rapporto diretto con Francesco Corallo».
E continua: «Durante una conversazione a cui ero presente Fini si complimentò con Corallo per l' aggiudicazione della gara, gli disse che era molto amico di Giorgio Tino, all' epoca Direttore dei Monopoli e che per qualsiasi cosa si sarebbe potuto rivolgere a lui.

GIANCARLO TULLIANI A DUBAI DA CHIGIANCARLO TULLIANI A DUBAI DA CHI 
Aggiunse che, meglio, poteva rivolgersi al suo segretario particolare Proietti Cosimi e in quell' occasione sia Proietti Cosimi sia Fini si scambiarono con Corallo il numero di cellulare. Nel maggio 2007 ci fu il mio primo incontro con Giancarlo Tulliani e Fini me lo presentò come suo caro amico. Tullia ni e Fini, già dal nostro primo incontro, sapevano che Atlantis voleva acquistare un immobile importante nel centro della capitale. Questo interesse di Corallo era noto a Fini e propose di fare l' acquisto tramite una società immobiliare di Giancarlo Tulliani(...) Tuttavia l' acquisto non si fece perché un nostro ingegnere sconsigliò l' operazione.
GIANCARLO TULLIANI A DUBAI DA CHIGIANCARLO TULLIANI A DUBAI DA CHI 

Dopo il fallimento dell' operazione ci furono un paio di antipatiche telefonate tra Fini e me (...)Alcuni mesi dopo, siamo nel 2008, nel corso di un pranzo da Fortunato al Pantheon, Giancarlo Tulliani, anche a nome di sua sorella Elisabetta e di Gianfranco Fini, informò Corallo e me che doveva aiutarli a comprare una casa a Montecarlo. Dopo un attimo di stupore Francesco Corallo gli disse che una cosa del genere gliela dovevano chiedere direttamente gli interessati.

Tulliani telefonò a Fini e dopo poco andammo negli appartamenti della Camera: eravamo Tulliani Giancarlo, Elisabetta, Fini, Corallo ed io. Fini disse che lui ed Elisabetta desideravano una casa proprio a Montecarlo e aggiunse testualmente "siamo certi che vorrai aiutarci a esaudire questo nostro desiderio".

GIANCARLO TULLIANI E LA CASA DI MONTECARLOGIANCARLO TULLIANI E LA CASA DI MONTECARLO
E Corallo si dichiarò disponibile. Tulliani aveva compreso che erano in grado di condizionare pesantemente le scelte e le valutazioni del Presidente della Camera, terza carica dello Stato. Quello che Corallo si aspettava, mantenendo i buoni rapporti con i fratelli Tulliani, era di continuare ad avere il favore di Fini che gli era utile a tutela dei suoi interessi imprenditoriali (...) Con riferimento alla cerimonia di festeggiamento della prima figlia di Fini (...) ho partecipato più come accompagnatore di Corallo.


LABOCCETTA jpegLABOCCETTA JPEG
2.PROIETTI: «IO E CORALLO? DEI SOLDI NON SO NULLA» - IL PARLAMENTARE SENTITO DUE VOLTE IN PROCURA

Era il 20 aprile 2017 quando è stato sentito Francesco Cosimi Proietti, storico braccio destro di Fini dal pm romano Barbara Sargenti. «Devo chiarire che non so nulla della società KE.IS media comunicazione srl di cui non mi sono mai occupato. Sono stato rinviato a giudizio per il fallimento della KE.IS senza essere stato neppure interrogato. Pertanto non sono in grado di riferire alcunché circa la sponsorizzazione diAtlantis Servizi srl (la società di Corallo, ndr) di cui lei mi chiede, a favore della società KE.IS.

AMEDEO LABOCCETTAAMEDEO LABOCCETTA 
Come già detto le spese della vacanza in Sint Maarten (eravamo circa 14 persone) sono state principalmente a carico di La boccetta, quanto all' alloggio. Non ci è stato presentato un conto. Ricordo di aver versato circa 7000/8000 euro a La boccetta. È vero che Labocetta mi chiese di fissare un appuntamento con Tino dei Monopoli ma non è vero che mi parlò di atteggiamenti ostruzionistici che Tino stava ponendo in essere nei confronti di Atlantis. Non è vero che mi sia incontrato con Corallo e Laboccetta alla Farnesina, in merito a questi problemi. Ritengo che non si siano incontrati neppure con Fini.

FRANCESCO PROIETTI COSIMIFRANCESCO PROIETTI COSIMI
Quando c' erano le riunioni a Palazzo Chigi, io, in qualità di Segretario di Fini, avevo avuto l' opportunità di incontrare Tino e, quindi, per ovvie ragioni, Laboccetta mi chiese se lo conoscevo ricevendo risposta positiva e, dopo, mi chiese di fissargli un appuntamento. Non è vero che in occasione del viaggio a Saint Maarten io abbia parlato con Laboccetta o Corallo dell' aggiudicazione della gara per la concessione del gioco, anche perché mi sembra che l' aggiudicazione sia stata successiva. Come già detto sono stato Segretario di Fini fino al 2008 e sono stato parlamentare fino al 2013.

Ho saputo della relazione di Fini con la signora Tulliani solo a settembre 2007, e di 1ì a pochi mesi sarebbe nata la loro figlia. L' ho saputo proprio da Gianfranco Fini. Non ho mai avuto rapporti con la signora Elisabetta Tulliani anche se ho già detto come ella nutrisse astio nei miei confronti. Non ho mai avuto rapporti con Giancarlo Tulliani, né posso dire nulla circa i suoi rapporti con Fini ovvero con Francesco Corallo ovvero con Amedeo Laboccetta. Con Amedeo Laboccetta ho avuto sempre buoni rapporti ma in ragione della militanza politica. Lui non mi ha mai parlato dei Tulliani.

Atlantis Casino Nassau BahamasATLANTIS CASINO NASSAU BAHAMAS
Fini non mi ha mai parlato di Giancarlo Tullia ni. Come già detto sapevo che Francesco Corallo aveva un ufficio in San Lorenzo in Lucina perché me lo disse proprio lui, che incontrai casualmente sotto al portone del palazzo noto perché c' era lo studio di Andreotti. Non sono mai andato in quell' ufficio, né a trovare Corallo, né a trovare Laboccetta» L' ex deputato di Futuro e Libertà ha proseguito affermando che «sono andato nell' ufficio di Laboccetta quando era rappresentante di Atlantis a piazza Campo Marzio.

Non ricordo di aver incontrato Laboccetta o Corallo negli uffici di Atlantis di via della Maglianella, come lei mi chiede. Conosco Pierluigi Angelucci di cui lei mi chiede perché è stato sindaco di Subiaco ed era iscritto ad An; prima di fare il sindaco di occupava di ristorazione con un amico, sempre in Subiaco. Non conosco l' associazione culturale ed ambientale Simbruini di Pierluigi Angelucci di cui lei mi chiede.

atlantis-mg-1_1ATLANTIS-MG-1_1
Pur non conoscendo il nome dell' associazione ricordo che effettivamente Angelucci ha organizzato una o più manifestazioni sul territorio di Subiaco nell' ambito dell' estate sublacense per cui aveva bisogno di contributi finanziari. Mi chiese se potevo aiutarlo per trovare questi contributi, io chiesi a Laboccetta perché era un amministratore di società e la società poteva fare la sponsorizzazione. Chiesi anche ad altri sponsor ma ottenni il contributo solo da Laboccetta. Lo chiesi un contributo ma non specificai la somma necessaria, mettendo in contatto Angelucci e Laboccetta che si misero d’accordo sulla somma.

Seppi dopo che il contributo ammontava a 120 mila euro. Di questa sponsorizzazione non parlai con Corallo, ma solo con Laboccetta».
FRANCESCO CORALLOFRANCESCO CORALLO
Il 20 febbraio scorso invece Ha detto ai pm: «Voglio chiarire le ragioni della crisi dei rapporti personali tra me e Fini, che erano stati buoni per moltissimi anni: ciò avvenne a causa della pubblicazione delle intercettazioni telefoniche tra me e la ex moglie di Fini che riguardavano la cognata. Ciò creò un po' di tensione tra me e Fini. La mia famiglia e la famiglia di Patrizia Pescatori avevano in società un laboratorio medico e Fini mi invitò a lasciare la società, cosa che feci senza tuttavia essere liquidato (preciso che le quote erano intestate a mio figlio che era stato invitato direttamente dal Presidente della Camera.

 Aggiungo che ho incontrato Tulliani Elisabetta l' ultima volta presso lo studio, mi sembra ai Parioli, dell' avvocato Giuseppe Consolo, già deputato, molto legato a Fini, il quale (...) mi fece incontrare, a sorpresa, Elisabetta Tulliani che mi disse che non riusciva a contattare Corallo e mi chiese se potevo riferirgli di risponderle al telefono (...) Ritengo che Elisabetta Tulliani anche in questa occasione abbia agito in sintonia con Gianfranco Fini».

FRANCESCO CORALLOFRANCESCO CORALLOFRANCESCO CORALLOFRANCESCO CORALLO